Maratea sembra

Maratea sembra

September 16, 2008 Default 0

Il toponimo di Maratea sembra essere stato coniato dai coloni greci stanziatisi lungo il Golfo di Policastro all’epoca della Magna Grecia, per evocare la famosa città greca di Maratona. Secondo un’altra ipotesi, il nome di Maratea deriverebbe da Thea Maris, cioè Dea del Mare.

L’abitato di Maratea è sovrastato da Monte San Biagio, sulla cui vetta si erge la Statua del Redentore, seconda per dimensioni soltanto a quella di Rio de Janeiro.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
Maratea
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
vetta del Monte San Biagio

Sotto la statua sono aggrappati, ad un fianco del monte, i ruderi dell’antico borgo del Castello, incastonati in una natura selvatica.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
statua del Redentore. Sotto i ruderi del borgo Castello
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
statua del Redentore

Al lato opposto della Statua si trova la Basilica di San Biagio, realizzata tra il VI – VII sec. d.C. e poi ampliata a più riprese. Vi sono conservate numerose opere d’arte: nella Regia Cappella (XVII sec.) sono custodite, in particolare, le Sacre Reliquie di San Biagio, l’Affresco della Madonna del Melograno (XV sec.) e preziosi bassorilievi in marmo.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
statua del Redentore
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
Basilica di San Biagio

Tra la prima e la seconda domenica di maggio si svolgono i solenni festeggiamenti in onore di San Biagio, il santo patrono di Maratea. Giovedì il simulacro in argento del Santo, coperto interamente con un panno rosso, viene portato a spalla in processione dalla Basilica, dove normalmente è conservato, fino in paese.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
il simulacro di San Biagio
esce dalla Basilica
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge viene tolto il panno rosso Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
la processione prosegue

L’episodio culminante della processione, dopo la rimozione del manto rosso, è la simbolica consegna delle chiavi della città al Santo da parte del sindaco di Maratea. I festeggiamenti proseguono fino a domenica, giorno in cui il busto argenteo esce dalla chiesa parrocchiale e torna in processione alla Basilica.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
Chiesa di S. Maria Maggiore
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
campanile romanico
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
bassorilievo del ‘500 raffigurante Angeli Oranti

Il centro storico offre una splendida concentrazione di edifici e monumenti di grande valore storico e architettonico, tra cui molte chiese: non a caso Maratea è famosa anche come la città delle 44 chiese, ricche di preziose testimonianze artistiche.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
affresco secentesco sovrastante il portale della Chiesa dell’Addolorata
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
statua della Madonna Addolorata
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
Chiesa del Calvario: edicola con affresco

Il litorale di Maratea, ricoperto dalla vegetazione tipica della macchia mediterranea ed impreziosito al largo da scogli ed isolotti, si snoda per circa 30 km. tra il Canale di Mezzanotte e la foce del fiume Noce, con pareti rocciose alte e ripide che ora s’incuneano a mo’ di promontorio nel Mar Tirreno ora si ritraggono accogliendo piccole cale e spiagge sabbiose. Gl’incontaminati fondali marini, particolarmente apprezzati dai subacquei, sono popolati da una ricca varietà faunistica (attinie, gorgonie, stelle marine, spirografi) e custodiscono vestigia dell’antichità di cui solo una parte (ancore e vasi di pregevole fattura) è stata portata alla luce.

Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
costa
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
costa
Fai clic per ingrandire * Click to enlarge
costa

Ogni anno nei giorni d’estate si tiene la rassegna culturale, artistica e musicale Maratea in Festa: concerti di musica classica e leggera, dibattiti, mostre, marajazz e tanti, tanti altri eventi culturali ed artistici.

visione ottimale: 800×600